images/2022/BLOG_POSIZIONAMENTO_2022/20220125-TEA-ART22-forno-fusione-metalli.jpg

Forno fusione metalli: i tre livelli di automazione

Il forno a induzione T-Barmaster™ rappresenta lo stato dell’arte per la fusione di metalli preziosi e la produzione di lingotti. 

Rispetto al tradizionale sistema di fusione a cielo aperto, garantisce non solo la massima sicurezza per l’operatore, ma anche una maggiore efficienza energetica, lingotti con un altissimo standard qualitativo nonché assenza di cali nel peso del metallo.

 

Sicurezza per l’operatore

Al contrario di quanto accade con i forni tradizionali, il lavoratorenon si trova mai vicino ad una fiamma. La sua presenza, inoltre, non è necessaria per l’intero processo e questo gli permette di assumere ruoli da supervisore piuttosto che compiti usuranti o pericolosi. 

Il forno a tunnel per la fusione di metalli preziosi , inoltre, fonde la graniglia in atmosfera controllata e in totale assenza di ossigeno. Non ci sono gas esplosivi, come invece accade nel sistema tradizionale, e non si generano campi elettromagnetici esterni alla macchina né emissione di fumi nocivi.

 

Lingotti di qualità superiore

Come abbiamo già visto nel nostro articolo sui vantaggi della fusione a induzione, con il metodo della fusione nei forni con tunnel a induzione, i lingotti hanno una qualità talmente alta da soddisfare i Good Delivery Standards della London Bullion Market Association

Questo significa che unitamente ad un grado di purezza minimo del 99,5%, sono accurati nel peso a un livello millesimale e non necessitano di saggiatura per le compravendite. 

Il T-Barmaster™ produce lingotti perfettamente planari e lucenti. La solidificazione è un passaggio chiave per un risultato ideale, che nel forno a tunnel per la fusione di metalli preziosi avviene su una piastra con acqua refrigerata circolante, senza sollevatori meccanici né additivi chimici che potrebbero influire negativamente sull’aspetto finale e sulla manutenzione e gestione dell’intero sistema.

 

Risparmio ed efficienza

La graniglia viene pesata con accuratezza millesimale e trasferita direttamente dentro la lingottiera e grazie alla successiva chiusura della lingottiera e fusione in ambiente inerte il metallo prezioso non subisce cali di peso. Non ci sono sprechi, né la minima perdita, per un vantaggio economico assolutamente determinante.

Inoltre, il forno a tunnel garantisce bassi consumi generali perché senza fiamme libere tutta l’energia termica viene indirizzata sul metallo da fondere, con la massima precisione e senza sprechi.

Come abbiamo visto, il forno a induzione T-Barmaster™ assicura una fusione sicura, veloce, con bassi consumi e un’ottima efficienza energetica

Si tratta di una tecnologia 100% modulare, combinabile con altri macchinari per una linea che può evolvere nel tempo e raggiungere livelli di automazione sempre maggiori. Vediamo le diverse possibilità.

 

Tecnologia Stand Alone

Nella modalità Stand Alone, il forno non è collegato ad altri macchinari che possono sostituire il lavoro umano. 

Serve un operatore per caricare le lingottiere in entrata e recuperare quelle in uscita, ma anche per estrarre il lingotto dalla lingottiera. Sarà sempre l’operatore a dosare la graniglia e riempire la lingottiera.

In questo modo, l’operatore dovrà essere praticamente sempre presente sul posto per seguire le varie fasi del processo. 

 

Processo semiautomatico

Il forno per la fusione di metalli T-Barmaster™ prevede l’integrazione con sistemi di moduli coordinabili tra loro. Grazie all’aggiunta di accessori, macchinari e anche di robot, l’operatore può configurare la macchina per farla lavorare in modo praticamente autonomo.

Il sistema automatizzato per la dosatura della graniglia, ad esempio, permette di “liberare” l’addetto dalla postazione della dosatura per indirizzarlo verso mansioni più costruttive. 

Questo macchinario riesce a pesare i grani d’oro e d’argento con un’accuratezza fino al milligrammo, rappresentando una vera e propria garanzia per la produzione di lingotti perfetti nell’accuratezza del peso. 

Si tratta, evidentemente, di una precisione difficilmente raggiungibile altrimenti o comunque non con la stessa velocità. Dosare più velocemente e con la massima precisione significa riuscire a produrre un maggior numero di lingotti, ridurre al minimo le rifusioni e ottimizzare costi e risorse. Non secondario anche l’aspetto di una assenza di interazione uomo/metallo che implica sempre una casistica di perdite

Per quanto riguarda invece l’estrazione del lingotto dalla lingottiera e il riempimento della stessa con la graniglia per il ciclo successivo, uno o più robot antropomorfi possono sostituire il lavoratore per tutto il processo di fusione. 

Sarà sufficiente che l’operatore inserisca la lingottiera nell’area di fusione e la recuperi in uscita. Per il resto, è libero di dedicarsi alla supervisione del processo.

 

Produzione completamente automatizzata

È la situazione più vantaggiosa in termini di produzione industriale. Oltre al sistema automatizzato per la dosatura di graniglia metallica e al robot antropomorfo per l’estrazione del lingotto e il riempimento della lingottiera, l’automazione include un nastro trasportatore per il carico/scarico delle lingottiere.

L’operatore deve solo caricare le lingottiere sul nastro in ingresso e rimuovere i lingotti pronti dal nastro in uscita, una volta che il robot li ha estratti dalle lingottiere.

In questo modo, il ruolo dell’operatore diventa quello di semplice supervisore del processo e la sua presenza non deve essere necessariamente fissa. 

Il forno per la fusione di metalli T-Barmaster™ elimina ogni rischio per il lavoratore, ma è l’automazione a renderlo davvero libero da incarichi usuranti e gravosi

 

I tre diversi livelli di automazione rispecchiano le diverse esigenze di ogni azienda. Ogni macchinario, in ogni caso, è integrabile agli altri già presenti sulla linea e può essere aggiunto in un secondo momento per rendere la produzione di lingotti in oro e argento sempre più precisa, veloce ed efficiente.